#versoil26maggio
Elezioni Regionali Piemonte 2019

Il Programma 2019

ROCCO PULITANÒ. IN PIEMONTE PER LASCIARE IL SEGNO

ROCCO PULITANÒ PER IL MONREGALESE E I TERRITORI CIRCOSTANTI

OSPEDALE

Il mio impegno sarà per valorizzazione e del presidio ospedaliero di MondovìCeva che necessita dell’attivazione di un reparto di dialisi nell’ospedale di Mondovì, nel potenziamento del presidio sia strutturale che di organico e il completamento della sala conferenze ovale. Quest’ultima attività concorrerebbe anche a portare una ricaduta sul territorio poiché consentirebbe di ospitare a Mondovì convegni con medici e professionisti provenienti da tutto il territorio.

EDILIZIA SCOLASTICA E SPORTIVA

Nel monregalese urgono investimenti e interventi di riqualificazione degli edifici scolastici e nel campo dell’edilizia sportiva. Intendo occuparmene con criterio di priorità.

IMMOBILI VUOTI

Intendo impegnarmi nell’individuazione di misure di sostegno alle imprese commerciali che intendono riqualificare gli immobili vuoti dei centri storici: ritengo , infatti, indispensabile combattere la desertificazione commerciale.

TURISMO E GRANDI MANIFESTAZIONI

Manca un ente che consenta ai comuni di programmare iniziative in rete e senza sovrapposizioni. Intendo facilitare la creazione di un ente manifestazioni del territorio monregalese che collabori con l’ATL e consenta una pianificazione e una comunicazione vincente del territorio e delle sue manifestazioni. Sul territorio monregalese c’è bisogno del potenziamento delle ciclovie esistenti affinché possano essere effettivamente un collegamento all’interno del territorio e con i territori circostanti.

ROCCO PULITANÒ PER LA PROVINCIA DI CUNEO

PICCOLE INFRASTRUTTURE

Oltre alle grandi opere imprescindibili come l’Asti – Cuneo il nostro territorio, distribuito su un’area molto vasta con 247 comuni, necessita di interventi di miglioramento del sistema viario sia per migliorare l’accessibilità a quei comuni difficilmente raggiungibili e, soprattutto, a rischio di isolamento in caso di dissesti idrogeologico.

TURISMO E SPORT

Intendo portare a completamento le ciclovie, in parte rimaste sulla carta, che consentono di collegare i territori fra loro e con l’estero. Inoltre, intendo proseguire il mio impegno con le stazioni sciistiche del Cuneese, già avviato con gli accordi di programma sottoscritti o in fase di sottoscrizione e ancora da potenziare per colmare il gap creatosi con le località olimpiche. Si sente, inoltre, spesso parlare di turismo, ma non c’è mai stato un vero progetto che colleghi le bellezze del cuneese e a questo si rivolge il mio impegno.

PICCOLI COMUNI

Intendo sostenere politiche utili a diminuire lo spopolamento dei piccoli comuni incentivando chi vi rimane o vi torna e chi vi insedia attività commerciali. Uno degli strumenti che intendo portare avanti è quello dell’incentivazione alla realizzazione di parcheggi su suolo pubblico in aree a rischio desertificazione commerciale per favorire l’accesso alle attività da parte della clientela. Esistono luoghi come Caprauna che conta solo 120 abitanti, ma è l’unico luogo dove si coltiva la rapa bianca di Caprauna, presidio slow food: il nostro territorio è così ricco che deve essere tutelato a ogni costo. Dobbiamo valorizzare l’unicità e la qualità dei nostri prodotti che tutto il resto del mondo ci invidia. Per quanto riguarda i comuni al di sopra dei 600 metri di altitudine intendo lavorare per l’abolizione ai residenti del bollo auto e per l’attivazione di misure a sostegno degli studenti che frequentano scuole in valle. Intendo inoltre individuare misure a sostegno alle associazioni di volontariato, culturali e di promozione sociale dei piccoli comuni come le Pro Loco.

ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Il 40% della produzione agroalimentare del Piemonte viene dalla Provincia di Cuneo. Esistono categorie, nel campo agroalimentare, che necessitano di interventi strutturali per essere sempre più immagine del nostro territorio nel mondo: Il Moscato è uno dei prodotti più apprezzati nel mondo, ma il suo prezzo di mercato non riesce a coprire i costi di produzione. Occorre una politica di sostegno strutturale ai produttori di Moscato e non contributi a pioggia come accaduto finora. Intendo inoltre occuparmi di una misura di sostegno a favore dei Tartufai con il rifinanziamento della Legge regionale 16/2008. Mi impegno a tutelare le nostre eccellenze altresì nelle sedi competenti. Inoltre la provincia di Cuneo è una terra di lavoratori formata da uomini e donne che, ogni giorno, si impegnano sul territorio e il lavoro si crea con l’innovazione e il sostegno alle imprese e non con l’assistenzialismo. Intendo impegnarmi a individuare agevolazioni per chi assume.

PROGRAMMAZIONE URBANISTICA

È fondamentale promuovere e sostenere politiche mirate alle nostre realtà, prestando attenzione alla morfologia del territorio. Mi impegno a promuovere l’aggiornamento/modifica di alcune normative datate (oltre 50 anni), ammodernandole, tenendo conto del valore della conoscenza del territorio. Intendo sostenere politiche del riuso che siano efficaci attraverso un alleggerimento della burocrazia per un’effettiva riqualificazione del controllo e del contenimento del consumo del suolo.

ANZIANI

La popolazione over 65 in provincia di Cuneo è cresciuta tra il 2002 e il 2018 del 16% a fronte di un aumento complessivo della popolazione del 5,3%. C’è un aumento costante delle aspettative di vita che porta con sé l’esigenza di servizi dedicati all’assistenza degli anziani, specie se non autosufficienti.
Ritengo fondamentale sostenere quegli enti come i Consorzi socio assistenziali e le associazioni che si occupano di anziani perché possano svolgere la loro attività con continuità.
Credo importante che si rinforzino altresì i servizi di sostegno alle famiglie con anziani a carico, specialmente se non autosufficienti o affetti da deterioramento cognitivo.
Gli anziani sono memoria storica, bagaglio affettivo. Deve essere un obiettivo primario sia la creazione di spazi dove i senior si possano incontrare, mantenendosi attivi e siano sereni, sia fare in modo che la Terza Età occupi lo spazio che merita nelle priorità della nostra società e della Politica.
Intendo impegnarmi per individuare misure a sostegno per la creazione di centri diurni che consentano agli anziani di vivere in famiglia, ma di essere assistiti e interagire con altre persone nelle ore del giorno, alleggerendo il carico familiare.